Condividi questo articolo
Seo PMI

Oggi, più che mai, avere un sito web o un e-commerce non basta più per sollevare il fatturato aziendale.

Le PMI (Piccola e Media Impresa) hanno capito che essere visibili online è un “obbligo” aziendale se si vuole utilizzare il web come strumento di comunicazione e di conversione.

I principali algoritmi dei motori di ricerca, da anni, hanno iniziato a lavorare, separatamente, tra indicizzazione del brand, sulla visibilità locale, nazionale ed internazionale.

Ecco perché noi di WebJet diciamo sempre ai nostri clienti che non possono più esistere formule magiche che valgono per internet. Ogni singolo progetto è a se stante, ogni sito web ha degli obiettivi da raggiungere e come tali bisogna per ognuno di essi creare una strategia ad hoc.

La SEO, ossia l’ottimizzazione per i motori di ricerca, diventa quindi fondamentale per chi vuole fare dell’online il proprio business.

Da leggere: CHE COS’È LA SEO O SEARCH ENGINE OPTIMIZATION?

La SEO per le PMI: consigli pratici per principianti

Una volta capito cosa vuol dire SEO e a che cosa serve, una volta appresi i termini base e la terminologia tecnica (vedi il consiglio di lettura qui sopra) possiamo entrare più nel dettaglio e vedere alcuni aspetti pratici e consigli per fare SEO nelle PMI.

Per definizione la Piccola e Media Impresa è quella categoria che rappresenta tutta le imprese con meno di 250 dipendenti, con un fatturato annuo che non supera i 50 milioni di euro o con un bilancio annuo inferiore ai 43 milioni.

In Italia le PMI sono quasi 150 mila di cui 120 mila solo piccole aziende.

Questi numeri ci fanno capire quanta concorrenza ci sia nel mercato italiano e coloro che investono nell’on-line possono ancora ritagliarsi una fetta di mercato importante.

Innanzitutto è importante ricordare che Google è responsabile della maggior parte del traffico dei motori di ricerca nel mondo (anche se c’è sempre un certo flusso nei numeri effettivi).

Questo può variare da nicchia a nicchia, ma è probabile che Google sia il giocatore dominante nei risultati di ricerca in cui la tua attività o il tuo sito web vorrebbe apparire, e le migliori pratiche descritte in questa guida ti aiuteranno a posizionare il tuo sito e i suoi contenuti anche nel ranking degli altri motori di ricerca.

Indipendentemente dal motore di ricerca utilizzato, i risultati della ricerca cambiano costantemente. Google in particolare ha aggiornato molte cose relative al modo in cui classifica i siti web.

L’algoritmo di Google è estremamente complesso e possiamo dire, semplificando all’estremo i concetti base che:

Come migliorare la local SEO per le PMI

Un’enorme percentuale di ricerche per attività commerciali online sono ricerche locali. Cosa significa per il tuo business? Significa che dovresti iniziare a trovare i giusti pacchetti SEO aziendali locali per assicurarti di posizionarti in alto nella SERP locale.

Il team di WebJet non solo è specializzato in local SEO, ma è da sempre convinto che posizionarsi nel miglior modo a livello di SEO locale permette a qualsiasi sito web di poter essere maggiormente visibile anche a livello nazionale.

Google ama la cura e i dettagli e quando capisce, anche attraverso la Google My Business, che cosa fa la singola attività e come essa può essere di aiuto per la comunità, di riflesso aumenta la sua presenza anche nella SERP a livello nazionale.

Alcuni consigli per la local SEO

Da leggere: LOCAL SEO: UN’ATTIVITÀ INDISPENSABILE PER LA VISIBILITÀ E LA CONVERSIONE DELLE PMI

La SEO on-site: Cos’è e Come Funziona

Avere un sito web senza errori è la base dalla quale partire. Fino a qualche anno fa si pensava che bastasse realizzare un sito web perfetto per essere visibili on-line.

E forse poteva essere anche vero, e forse questa formula può essere ancora valida in un mercato di nicchia dove non vi è concorrenza.

Ma pensate, ad esempio, ad un ristorante della vostra città. Ha un sito perfetto, senza errori così come lo ha il suo diretto concorrente.

Cosa fa allora la differenza? Il contenuto e il suo aggiornamento.

Gli algoritmi di Google altro non sono che formule matematiche e lavorano comparando milioni di dati al secondo tra loro. Le immagini, spesso sottovalutate, sono un classico esempio di contenuto assolutamente importante e che, come tale, deve essere inserito all’interno di un sito web.

Certamente anche la scelta delle migliori keyword è fondamentale per una strategia SEO vincente e per ottenere risultati soddisfacenti si utilizzano tool on-line gratuiti e a pagamento che analizzano il mercato di riferimento, i competitor, aiutandoci ad individuare le parole chiave di successo.

Chiaramente la SEO on-site è molto di più, con l’analisi della singola pagina web andando a monitorare non solo eventuali errori ma anche se e come la pagina è stata indicizzata nei motori di ricerca.

La SEO Off-site: cos’è e Come Funziona

Il lavoro di una web agency non è solo quello di consegnare al cliente un sito web bello e funzionante, ma è anche quello di individuare insieme a lui le strategie SEO off-site da adottare.

La SEO off-site è certamente quella più complicata dove solo un SEO specialist con un’esperienza pluriennale può fare la differenza perché si vanno ad intersecare tutta una serie di discipline diverse che concorrono tutte ad un unico scopo: aumentare la visibilità, le conversioni e il fatturato aziendale tramite in web.

Le principali strategie di SEO off-site sono:

Considerazioni Finali sulla SEO per PMI

Per molte aziende gestire correttamente gli aspetti tecnici della SEO, comprendere le parole chiave che si desidera posizionare e avere una strategia social per collegare e condividere le pagine del proprio sito è davvero tutto ciò che è necessario fare a livello SEO per aumentare la propria visibilità e i propri fatturati.

Vi sono, tuttavia, alcuni casi specifici e tipi di attività che hanno bisogno di tipi specifici di ricerca. Alcuni tipi di ambienti di ricerca che richiedono approcci unici includono:

SEO internazionale – Ci sono una serie di vantaggi e compromessi nei diversi approcci per classificare i siti in diversi paesi e in diverse lingue. On-line si possono trovare facilmente guide gratuite alle migliori pratiche SEO internazionali. Se stai cercando di raggiungere clienti in mercati internazionali, Google offre anche alcuni consigli e migliori pratiche nella propria guida.

SEO locale – Per le piccole imprese e gli affiliati , ottenere classifiche locali per diverse varianti di {la tua posizione} + {il tuo servizio} (ad esempio “pizzerie a Vibo Valentia”) è davvero il traffico di ricerca organico più prezioso disponibile. Mentre ottenere link e condivisioni, fare ricerche di parole chiave e assicurarsi che il tuo sito non abbia problemi tecnici aiuta con le classifiche localizzate

Motori di ricerca dell’App Store – Se disponi di un’app, sia come offerta principale di prodotto per la tua azienda, sia come mezzo per consentire agli utenti mobili di interagire con la tua attività, si consiglia sempre che l’app venga mostrata nelle ricerche su vari app store.

Ora che siamo alla fine di questo articolo, dovresti aver imparato molte informazioni su come i motori di ricerca classificano i siti web e su come posizionare il tuo sito e la tua attività per generare più traffico di ricerca da motori di ricerca come Google.

Cosa dovresti fare dopo? Priorità. Nessun sito fa un lavoro perfetto di esecuzione su ogni singolo aspetto dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Pensa alle cose che fai bene, disponi di budget e risorse? Ciò darà alla tua azienda il miglior ritorno per il tuo investimento.

Questo è ciò che differenzia, almeno in parte, ogni azienda e sito.

Se sei bravo a creare e promuovere contenuti, determina quali parole chiave seguire e focalizza i tuoi sforzi lì. Se hai un sito ampio e complesso, concentrati sull’ottenere la migliore SEO tecnica (o assumere una SEO agency).

Se sei una piccola impresa che trae vantaggio dal posizionamento per termini specifici geo-focalizzati ma non per molto altro, consolida i tuoi sforzi SEO locali (e quindi forse concentrati su altri sforzi di marketing una volta che inizi a vedere rendimenti decrescenti dai tuoi sforzi lì ).

Ricorda sempre che l’obiettivo finale di ogni sforzo di ottimizzazione dei motori di ricerca è ottenere più visibilità e traffico per la tua attività o i contenuti del tuo sito.

Cerca i modi in cui il traffico dei motori di ricerca può aiutare la tua attività e il tuo sito: non limitarti a inseguire le ultime parole d’ordine SEO o saltare ogni volta che Google formula una raccomandazione che potrebbe migliorare le tue classifiche di ricerca danneggiando la tua attività complessiva.