Condividi questo articolo
Link Dofollow e link Nofollow

Link Dofollow e Nofollow sono alla Base di una Corretta gestione dei Collegamenti Esterni, perché aiutano i Motori di Ricerca a capire l’importanza della pagina che abbiamo deciso di linkare dal Nostro Sito o che riceviamo dai Backlink

Nel settembre del 2019, Google ha annunciato che sarebbe da lì a poco cambiato il modo in cui i siti web e gli editori dovevano contrassegnare gli attributi dei link.

A partire dal 1° marzo 2020 qualche SEO specialist in tutto il web è entrato nel panico, mentre altri hanno, a ragion veduta, sostenuto da subito che nulla sarebbe cambiato.

Ma cosa è veramente successo? Prima di entrare nel merito della questione e capire l’importanza dei link follow e no follow nella SEO, esaminiamo la differenza tra link DoFollow e Nofollow, cosa sono e cosa li interpreta il nuovo aggiornamento di Google e soprattutto come questi cambiamenti potrebbero influenzare la link building  in futuro.

Cosa Sono gli Attributi dei Link e Come Dovresti Usarli?

collegamenti ipertestuali

I link verso e da altri siti esiste dagli albori di internet. Anzi potremmo dire che il web è proprio questo. Un’enorme ragnatela dove i fili sono proprio i collegamenti ipertestuali.

Chi opera online da decenni come noi di Webjet.it si ricorderà certamente che le directory dei link si trovavano sui siti web, così come una pagina intitolata semplicemente “Link” che elencava dozzine, se non centinaia di link ad altri siti web.

Cosa Sono i Link DoFollow

Un link DoFollow o semplicemente un link follow è proprio questo: un sito web che si collega a un altro organicamente all’interno di una pagina dal testo di ancoraggio.

Un esempio di un link in un articolo potrebbe essere: guarda questo risultato di ricerca per scoprire “come scegliere la migliore agenzia SEO in Calabria” e il link (senza virgolette) si collega a un articolo del nostro blog proprio qui sul sito della nostra agenzia SEO e di digital PR come risultato principale.

Ora, se quell’articolo fosse stato letto 2 mila volte e condiviso per 500 volte, dandogli un sacco di merito all’interno della comunità SEO dei motori di ricerca, Google certamente lo premierebbe per essere un risultato eccellente.

E certamente premierebbe anche il sito linkato, trasferendogli del juice dal sito linkante.

Cosa Sono i Link NoFollow

Dalla sua introduzione nel 2005, l’attributo “nofollow” è sempre stato una mera direttiva o un modo per dire a Google di bloccare l’indicizzazione di una pagina, in modo da non sprecare il crawl budget o budget di scansione di Google.

Poi con l’aggiornamento di Google lanciato e implementato il 1° marzo 2020, ora i collegamenti Nofollow possono essere visti come un suggerimento per la scansione / indicizzazione o per il posizionamento.

Con parole più semplici ecco come Google ci dice su come etichettare i diversi tipi di link nofollow:

Perché non bisogna ignorare completamente i link nofollow? Ecco la spiegazione di Google:

“I link contengono informazioni preziose che possono aiutarci a migliorare la ricerca, ad esempio il modo in cui le parole all’interno dei collegamenti descrivono i contenuti a cui puntano. Osservare tutti i link che incontriamo può anche aiutarci a comprendere meglio i modelli di collegamento innaturali. Passando a un modello di suggerimento, non perdiamo più queste informazioni importanti, consentendo comunque ai proprietari dei siti di indicare che ad alcuni link non dovrebbe essere attribuito il peso di un’approvazione di prima parte”.

Avere la risposta definitiva su quanto un link nofollow funzioni meglio o peggio degli altri due sopra citati non ci è dato di sapere (almeno ad ora che scriviamo questo articolo).

Una cosa buona potrebbe essere che alcuni link Nofollow ritenuti preziosi potrebbero vedere un aumento del ranking e questo potrebbe sicuramente essere un vantaggio. Questo è davvero l’unico aspetto positivo che ad oggi riteniamo utile sapere e sul quale una agenzia di digital marketing dovrebbe lavorare in ottica futura.

Ma cosa succede se la maggior parte di un profilo backlink di un sito web è Nofollow o pieno di nient’altro che spaventoso spam, link dai social media e altre piattaforme di streaming?

Come sappiamo i link possono essere:

Il primo e l’ultimo punto dell’elenco riteniamo essere i due fattori chiave per coloro che fanno di professione i link builder.

Questo perché tali punti possono portare i maggiori danni ai profili di backlink. Alcune agenzie pagano per i link o pagano gli autori di contenuti per inserire collegamenti sul loro sito senza utilizzare l’attributo di collegamento rel = “sponsorizzato”.

Ora che Nofollow viene utilizzato come “suggerimento” di indicizzazione, cosa succederebbe se Google indicizzasse una di queste pagine e scoprisse una serie di link a pagamento in un profilo di backlink?

Come dicevamo solo il tempo ce lo dirà. Intanto possiamo dire che la vera link building, quella che piace a Google, è quella che prevede un’acquisizione naturale e non a pagamento di link in entrata.

John Mueller di Google: Nessun Vantaggio nel Contrassegnare tutti i Link in uscita come Nofollow

google

John Mueller di Google ha chiarito un malinteso sul fatto che ci sia un vantaggio di ranking nel contrassegnare tutti i link in uscita come nofollow.

Questo argomento è emerso durante un hangout del Centro webmaster di Google in cui è stata posta questa domanda:

“Cosa ne pensate della pratica di alcuni grandi editori che taggano tutti i link in uscita con rel = nofollow? Da quello che so, il ragionamento alla base di questo è che con i link follow si perde il link juice e quindi il sito si classifica peggio.”

Mueller non ha usato mezzi termini nella sua risposta, dicendo apertamente che questa ipotesi è “decisamente sbagliata”.

In effetti, l’utilizzo di un attributo nofollow su tutti i link in uscita può anche causare problemi nel tempo perché è un modo innaturale di collegarsi alle pagine web.

Ecco la risposta di Mueller:

“Ciò è decisamente sbagliato. Sicuramente se usi link follow sul tuo sito web non è che ti classifichi peggio che se metti nofollow su tutti i link in uscita.
Sospetto che sia anche, al contrario, che se hai collegamenti normali sulla tua pagina, probabilmente ti classificheresti un po’ meglio nel tempo, essenzialmente perché possiamo vedere che fai parte del normale ecosistema web.
Quindi non è assolutamente vero che tu abbia alcun tipo di vantaggio in classifica contrassegnando tutti i link in uscita come nofollow.”

Perché alcuni Siti Utilizzano Rel = Nofollow su Tutti i Link

Tornando alla domanda originale, Mueller riconosce che alcuni siti utilizzano l’attributo nofollow su tutti i link in uscita.

Lo fanno, dice, per stare al sicuro. Chi pubblica i post potrebbe non sapere per quali link garantire, quindi utilizzano l’attributo nofollow su tutti.

Mueller dice che è un grande problema perché gli editori dovrebbero essere in grado di sostenere le tesi di ciò che scrivono.

La sua risposta è continuata di seguito:

“Capisco che qualcuno potrebbe non sapere di quali link può fidarti. Ma essenzialmente, se sei un editore di notizie, dovresti fidarti di ciò di cui scrivi.
Oppure dovresti essere in grado di capire quale parte del contenuto di cui scrivi è il contenuto effettivo che vuoi che sia indicizzato, che vuoi rappresentare. Se queste sono le cose che vuoi rappresentare, assicurati di avere link normali lì. “

Link Follow e Link Nofollow e il loro Impatto sulla SEO

link

Sulla importanza e sull’utilizzo dei link follow all’interno di un testo è fin troppo chiaro. Utilizzare l’attributo DoFollow permette ai motori di ricerca di capire subito quanto tu ritenga importante quel collegamento ipertestuale e che hai deciso di utilizzare questo attributo proprio per sottolineare tale importanza.

Diversa invece è la questione sul NoFollow e soprattutto l’impatto di questi link in una strategia SEO volta all’indicizzazione di un sito web nei motori di ricerca.

Anche perché o che un link sia follow o no follow ciò che bisogna sempre ricordare è che i link sono sì in uscita, ma per corrispondenza biunivoca dall’altra parte del collegamento ci sarà un altro sito web che riceverà un back link. E in una strategia di link building l’attributo gioca un ruolo importante.

I Nostri Consigli sui Link NoFollow

Per aiutarti a comprendere al meglio questi nuovi aggiornamenti di Google sui link NoFollow, ti consigliamo di lavorare su quanto segue;

Cosa Devono sapere i SEO e i Proprietari di Siti

Gli attributi dei link sono ancora importanti ed altrettanto importante è contrassegnare gli annunci e i link sponsorizzati per evitare possibili sanzioni per lo schema di link.

Anche se Google preferisce l’uso di “sponsored“, il vecchio link “nofollow” va sempre bene.

Ma soprattutto non è necessario modificare gli attributi esistenti, non è necessario modificare alcun collegamento nofollow già pre-esistente perché Google continuerà a onorare gli attributi nofollow attualmente in vigore.

Inoltre, non è necessario che i SEO e i proprietari di siti modifichino il modo in cui utilizzano l’attributo “nofollow” per contrassegnare i collegamenti relativi ad annunci e sponsorizzazioni. Tuttavia, Google consiglia di passare all’attributo “ sponsored ” quando si ritiene che la singola situazione lo richieda espressamente.

Come Utilizzare Correttamente i nuovi Attributi dei Link

È possibile utilizzare più di un attributo su un singolo collegamento. Ad esempio, rel = “ugc sponsored” sarebbe accettabile per un collegamento sponsorizzato che appare all’interno dei contenuti generati dagli utenti.

Google afferma che non esiste un attributo link sbagliato da utilizzare tranne nel caso di link sponsorizzati. Se un collegamento è contrassegnato come “sponsored” quando non fa effettivamente parte di un annuncio o di una sponsorizzazione, l’impatto sarà ridotto.

“… Vedremo quel suggerimento ma l’impatto – se del caso – sarebbe al massimo che potremmo non considerare il link come un credito per un’altra pagina. A questo proposito, non è diverso dallo status quo di molti link generati dagli utenti e non di annunci già contrassegnati come nofollow. “

In conclusione: qualsiasi link che sia chiaramente un annuncio o sponsorizzato deve utilizzare l’attributo  “sponsored “ o “nofollow”.

Riepilogando:

  1. Gli attributi sponsored e ugc vengono trattati come “suggerimenti”. Il link Nofollow ha funzionato correttamente fino a marzo 2020, momento in cui è stato iniziato ad essere considerato e trattato come un suggerimento.
  2. Coloro che si affidano esclusivamente all’attributo nofollow, che non è mai stato consigliato all’inizio, dovrebbero prendere in seria considerazione il passaggio a uno dei nuovi attributi.
  3. Se stavi utilizzando link con attributo nofollow per bloccare aree sensibili del tuo sito che non volevi sottoporre a scansione, probabilmente ha senso decidere di bloccare in un modo diverso quella parti e/o pagine.
  4. Per bloccare l’indicizzazione di pagine web o parti di sito non bisogna utilizzare gli attributi nofollow ma scegliere modi diversi, come robots.txt o meta tag, che puoi utilizzare per regolare il modo in cui Google deve eseguire la scansione e l’indicizzazione delle pagine di un sito web.

Per quanto riguarda gli attributi UGCsponsored, la loro implementazione è volontaria. Se desideri fornire a Google queste informazioni (e hai link classificati per tuo riferimento), sentiti libero di farlo. Che tu lo faccia o meno, non influirà sul tuo sito e sul suo posizionamento nella serp.