Condividi questo articolo
Content Marketing

Una delle regole basilari di chi fa SEO è la frase “content is the king” ossia il contenuto è il re della SEO. Tanto semplice quanto banale il concetto è facilmente capibile perché, ogni qual volta si fa una ricerca online, all’interno del box si inseriscono parole.

Ecco perché lo studio della creazione di contenuti e la sua successiva distribuzione in forma testuale e visale si chiama Content Marketing. 

Il marketing che si basa sulla realizzazione di contenuti è una delle tantissime sfaccettature della categoria più generica di digital marketing volto principalmente ad attirare un pubblico di riferimento.

Un pubblico che dovrà non solo visualizzare ciò che gli proponiamo, ma che dovrà approfondire l’argomento andando a leggerlo sul sito web o sul profilo social di un’azienda.

L’ “atterraggio” di un pubblico target su un sito o su un profilo social permetterà al brand di instaurare con esso una relazione e quindi aumentare le vendite dei propri prodotti o aumentare la propria visibilità.

L’obiettivo principale del content marketing è attirare l’attenzione di potenziali clienti o su un singolo prodotto o sul brand dell’azienda così da andare a creare consenso intorno alla propria immagine ed informare chi legge con un contenuto che sia prima di tutto un approfondimento.

Attraverso la condivisione dei giusti contenuti l’azienda migliora notevolmente la sua comunicazione per arrivare a stimolare l’interesse dei consumatori.

Per Pianificare una Strategia di Content Marketing bisogna seguire 6 passi fondamentali:

Come creare un’efficace Strategia di Content Marketing

Content Strategy

Una delle strategie di content marketing più utilizzate dalle aziende è lo storytelling ossia il raccontare una storia attraverso una comunicazione persuasiva.

Le pubblicità in televisione dei vari modelli di automobili sono un esempio perfetto di ciò che si intende per storytelling, dove molto spesso viene creato un contenuto che sia di aiuto alle persone per risolvere i loro problemi.

Quando si parla di storytelling non esiste un unico modello da seguire poiché ogni azienda, essendo diversa l’una dall’altra, mette in risalto i propri punti di forza così da ritagliarsi una determinata fetta di mercato con uno specifico target di clientela.

Un’azienda che abbraccia questa strategia, innanzitutto deve individuare la mission sulla quale va costruita l’intera campagna, nella quale vanno chiarite quali sono le caratteristiche del prodotto o servizio che offre, perché è diverso da quello delle altre aziende e in particolare perché è migliore.

Come abbiamo detto nel paragrafo precedente, è fondamentale capire a chi ci vogliamo rivolgere quindi individuare le tipologie di persone che possono essere interessate al brand e il perché hanno dei determinati bisogni che l’azienda può soddisfare.

In particolare i consumatori hanno delle aspettative ben precise e, quando leggono uno specifico contenuto, bisogna far in modo che questo risponda al meglio alle esigenze del potenziale cliente in modo che l’azienda venga preferita ai competitor.

Una volta appreso cosa fare e a chi rivolgersi, bisogna focalizzare l’attenzione su come redigere il contenuto.

Come creare il Contenuto Vincente per fare Content Marketing

Per essere coinvolgente il testo o lo storytelling deve avere un tono amichevole e confidenziale, rispondendo al bisogno del destinatario ma anche raccontando l’azienda, la sua storia e gli obiettivi raggiunti e cosa si prefissa nel futuro.

La storia deve essere quindi convincente e coinvolgente, ma soprattutto trasmessa con i giusti mezzi di comunicazione, che vanno scelti in base al target di riferimento studiandone il comportamento e i “luoghi del web” che più frequenta.

Un piano di content marketing deve fornire dei contenuti esclusivi che non sono reperibili altrove; deve entrare nella mente del consumatore fornendo informazioni preziose ad esempio i processi impiegati in azienda, le risorse di cui si serve, la materia prima che utilizza etc.

Molto interessanti agli occhi dei consumatori sono anche le interviste che possono essere fatte ai dipendenti, agli esperti del settore, ai clienti che già hanno scelto l’azienda o il prodotto che si vuole promuovere.

Content Marketing: dall’Email Marketing ai Blog

Negli ultimi decenni il content marketing si è molto evoluto, questo perché le persone prima erano subissate da informazioni attraverso i mass media più comuni come radio e televisione poi, con l’avvento di internet, i contenuti sono diventati sempre più importanti e apprezzati dai lettori.

Negli ultimi anni anche il settore inerente alla comunicazione tramite internet è cambiato perché gli internauti cercano nel web sempre più informazioni dettagliate e vicine al loro interesse. Uno degli strumenti che non passa mai di moda ed è uno di quelli più utilizzati per fornire informazioni dirette ai potenziali clienti è l’email marketing, si tratta di un tipo di marketing diretto che usa la posta elettronica per entrare in contatto con i consumatori.

L’email marketing è molto utile per acquisire nuovi clienti, per incuriosire quelli che in passato hanno acquistato dall’azienda ma sono più inattivi da tempo e per fidelizzare quelli abituali. Per far questo si serve dell’invio di messaggi pubblicitari tramite email che richiamano il cliente ad una call to action cioè a compiere una determinata azione. Questo sistema è molto vantaggioso perché veloce e con un grande ritorno sull’investimento rispetto ad altri canali di marketing.

fare content

L’enorme successo dell’email marketing, che lo rende una delle strategie migliori che un’impresa può adottare, è dovuto soprattutto al servizio di newsletter. Questo servizio di solito si trova sul sito web aziendale ed è proposto all’utente tramite un modulo che deve compilare.

Grazie alle newsletter il cliente viene costantemente aggiornato sulle novità aziendali, sul lancio di un nuovo prodotto, su un particolare evento o promozione, il content marketing in questa strategia viene principalmente utilizzato per creare messaggi brevi e concisi che permettono di attirare il potenziale cliente a compiere una determinata azione.

Oltre all’email marketing negli anni sono nati nuovi strumenti di comunicazione utilizzati nel content marketing, uno di questi sono i blog dove al loro interno vedono inseriti testi che parlano di un determinato servizio o prodotto oppure dove vengono analizzati case studies e case history.

Questi ultimi tipi di contenuti sono articoli, che vengono pubblicati nei blog online o nel blog aziendale, che raccontano degli episodi particolari in cui un’impresa ha risolto con i propri prodotti o servizi una particolare problematica del cliente. Questo tipo di articoli sono molto efficaci e di grande impatto perché gli utenti che leggono questo tipo di contenuto molto spesso hanno le stesse problematiche indicate nel testo e trovano la soluzione ai propri problemi.

Come dare Visibilità ad una Campagna di Content Marketing

Anche se i contenuti sono efficaci, possono non raggiungere l’obiettivo se non vengono distribuiti in maniera corretta. Gli elementi strategici per dargli più visibilità possono essere sintetizzati in 3 concetti:

Si evince quindi che una strategia di content marketing non si basa solo sui contenuti, ma è guidata da ciò che si intende ottenere.

Il content marketing: attuale e un Potente Strumento

Il content marketing è fondamentale per l’azienda che sceglie di espandersi tramite il digital marketing. Si esprime in diverse forme (articoli, guide, seminari, infografiche, video etc), ed è in grado di creare rapporti duraturi rispondendo alle diverse esigenze del cliente. Vediamo quindi cosa cerca il cliente:

Non dimentichiamo l’elemento più banale, ma allo stesso tempo di grande importanza, che caratterizza il content marketing: grazie alla continua offerta di contenuti di qualità, le aziende riescono a generare un interesse sempre maggiore verso un sito web invogliando i clienti a visitare le pagine del sito.

Il content marketing per il Posizionamento SEO

Come si evince dagli elementi analizzati, una buona strategia di content marketing porta l’azienda ad avere più lead e di conseguenza più clienti; inoltre permette di migliorare il posizionamento SEO sui motori di ricerca, infatti questo criterio si basa sempre di più sui contenuti di valore e sulle keyword.

Le tecniche di marketing tradizionale negli ultimi anni hanno perso la loro efficacia infatti sia offline che online siamo sempre più bombardati di messaggi pubblicitari di ogni tipo.

Come può fare un’azienda a Distinguersi dai Competitor con il content marketing?

Diffondere Contenuti di Marketing

La risposta è molto semplice: bisogna creare contenuti di valore perché i motori di ricerca, in primis Google, guardano alla soddisfazione dell’utente fornendo come primo risultato per una determinata ricerca non un insieme di keyword, ma la risposta a ciò che cerca.

Sono proprio i destinatari della strategia di content marketing a confermarne l’efficacia tramite alcune statistiche che indicano che il 60% degli acquirenti riesce a prendere una decisione migliore se informato sugli aspetti aziendali.

Quali sono i contenuti da creare

Abbiamo capito quindi che alla base del content marketing ci sono contenuti di qualità ed unici. Ma quali sono i formati e i contenuti più utilizzati?

Tra i formati più utilizzati per il content marketing ci sono i testi, quindi gli articoli per i blog ma anche per i post dei social network, che fornisco le informazioni ai potenziali clienti ma anche per l’email marketing i contenuti sono fondamentali perché attraverso il testo accattivante inviati tramite posta elettronica, si è in grado di convincere il cliente.

Oggi, stanno prendendo sempre più piede gli storytelling, perché comunicano in maniera più confidenziale, anche con i video e le infografiche. Nel caso di un messaggio testuale, esso deve avere un tono che identifichi l’azienda e un layout adatto, il tutto corredato da immagini chiare e dirette.

Per quanto riguarda i video, non devono annoiare quindi essere esplicativi di tutto ciò che è essenziale senza però dilungarsi troppo ma arrivando direttamente al punto.

Content marketing: tra Social Network e Direct Email Marketing

Se si stabilisce che i canali adatti alla diffusione siano più di uno è bene adattare il messaggio di volta in volta. Solitamente vengono scelti i social network perché raggiungono una fetta molto ampia di target e le email perché raggiungono i consumatori in maniera veloce.

Se nel primo caso la sponsorizzazione dell’azienda non ha limiti, quindi si può essere esplicativi al massimo, per quanto riguarda il direct email marketing è fondamentale essere brevi, non infastidire troppo il destinatario, offrendo magari un contenuto personalizzato.

Infatti, se si parla di social network, sono gli utenti che cercano il contenuto, mentre nelle email è l’azienda che entra nel territorio del potenziale acquirente e quindi deve farlo in modo meno invasivo.

Quali sono le diverse opzioni di content marketing

Per sviluppare una strategia di content marketing l’azienda può scegliere una o più opzioni:

Come team di WebJet, sappiamo quanto questo strumento di marketing sia importante: letteralmente le parole content marketing significano marketing del contenuto, ed è proprio il perfetto riassunto di ciò che si è detto finora.

Il cliente viene accompagnato verso l’acquisto con contenuti realizzati appositamente per vendere sottolineando la qualità del prodotto ed evidenziando l’affidabilità del brand così da instaurare la fiducia nel cliente abituale e trovarne di nuovi grazie ad un buon posizionamento.